(Italiano) “Give teens a chance”. La scuola al centro della periferia

(Italiano) Istituto Comprensivo Voltri II (Genova)
2018-2021

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Il progetto “Give Teens A Chance” si propone di intervenire su un contesto territoriale circoscritto (il quartiere Cep - Centro edilizia popolare, situato nella zona di ponente della città di Genova) storicamente interessato da degrado edilizio, alto tasso di disoccupazione e situazioni di disagio multifattoriale, con lo scopo restituire al quartiere ed ai suoi luoghi educativi la dignità e l’efficacia di spazi in cui avviare processi di inclusione, di trasmissione di competenze, di attivazione e partecipazione civica. L’intervento prevede il coinvolgimento diretto sia dei responsabili e che dei destinatari dei processi educativi e di sviluppo del territorio, ovvero, rispettivamente, la comunità educante locale e gli adolescenti tra 11-15 anni, attraverso iniziative per il recupero ed il reinserimento di minori dropped out del quartiere (fuoriusciti precocemente dal percorso scolastico), per il sostegno scolastico e personalizzato degli alunni dell’Istituto Comprensivo Voltri II, per il potenziamento del metodo e delle competenze delle agenzie educative e per il supporto alla genitorialità. Il progetto, sostenuto dai fondi stanziati dall’Impresa Sociale Con i Bambini per azioni di contrasto alla povertà educativa sul territorio nazionale, prende avvio nel settembre 2018 ed è presieduto dall’ Istituto Comprensivo Voltri II che lavora in raccordo con la Comunità di Sant’Egidio di Genova e le altre principali istituzioni preposte all’istruzione ed alle politiche socio-educative sul territorio: Comune di Genova – Direzione Scuola e politiche giovanili, Ufficio Scolastico Regionale Liguria, Comunità di Sant’Egidio di Genova, IPSSA Bergese, Liceo Lanfranconi, Università Cattolica del Sacro Cuore. Figurano nel partenariato inoltre due fondazioni ed altre realtà associative e del terzo settore. Nel quadro del piano di intervento triennale, l’Istituto si occupa di verificare con cadenza periodica il raggiungimento degli esiti e dei risultati delle attività declinati attraverso un panel di indicatori di progetto (monitoraggio quantitativo), e contestualmente di raccogliere e restituire l’andamento delle attività svolte, in considerazione delle criticità, scostamenti o esiti inattesi incontrati dalle organizzazioni nel corso dell’attuazione degli interventi (monitoraggio qualitativo). L’Istituto si occupa inoltre di accompagnare il partenariato nella valutazione dei processi attivati e dei risultati progressivamente raggiunti (valutazione in corso di progetto e finale) e dei cambiamenti osservabili nei contesti di intervento nel medio periodo (valutazione di impatto).