(Italiano) Dare di più a chi ha avuto di meno. Percorsi di emancipazione per rimuovere le disuguaglianze educative in contesti territoriali deprivati

(Italiano) Federazione SCS/CNOS - Salesiani per il Sociale
2018-2021

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Il progetto “Dare di più a chi ha avuto di meno” si iscrive nella cornice degli interventi sostenuti dal Fondo per la lotta alla povertà educativa (Impresa Sociale Con I Bambini) rivolti ad adolescenti che si trovano in contesti sociali e famigliari caratterizzati da fragilità. Il coordinamento centrale è presidiato dalla Federazione SCS/CNOS - Salesiani per il Sociale e coinvolge una rete di 15 poli territoriali estesa a tutto il territorio nazionale. L’obiettivo per i diversi contesti interessati è quello di intervenire sui processi di trasmissione intra ed extra familiare della povertà educativa e della deprivazione culturale, per contrastare le disuguaglianze sociale e i fenomeni di isolamento e abbandono scolastico precoce, per contribuire all’incremento delle competenze educativo-relazionali delle scuole e delle famiglie. La programmazione operativa propone tre principali Linee di Azione all’interno delle quali si collocano interventi di educazione formale, educazione informale, coinvolgimento e sviluppo comunitario, e che prevedono un’azione diretta su e con gli alunni delle scuole parte della rete di progetto, i genitori e la comunità educante di riferimento, le imprese e le organizzazioni che possono contribuire a definire e trasformare i livelli e i servizi educativi essenziali a livello territoriale. Nel quadro del piano di intervento triennale, l’Istituto si occupa di verificare con cadenza periodica il raggiungimento degli esiti e dei risultati delle attività declinati attraverso un panel di indicatori di progetto (monitoraggio quantitativo), e contestualmente di raccogliere e restituire l’andamento delle attività svolte, in considerazione delle criticità, scostamenti o esiti inattesi incontrati dalle organizzazioni nel corso dell’attuazione degli interventi (monitoraggio qualitativo). L’Istituto si occupa inoltre di accompagnare il partenariato nella valutazione dei processi attivati e dei risultati progressivamente raggiunti (valutazione in corso di progetto e finale) e dei cambiamenti osservabili nei contesti di intervento nel medio periodo (valutazione di impatto).